Medical News

Coronavirus, la diretta – Oltre 440 contagi, scuole chiuse in Campania e nel Tarantino. L’Oms promuove l’Italia: “Misure risolute e veloci”

Sesto giorno dalla scoperta del primo caso di coronavirus in Italia: 447 contagiati, di cui otto minori e dodici vittime, tutte con patologie pregresse. L’ultima è stata registrata in Emilia Romagna, il primo decesso nella regione: una 69enne di Lodi con problemi respiratori. Continua anche il calo dei mercati finanziari: Piazza Affari apre in forte ribasso, in linea con tutte le altre borse europee. Cambia la strategia di rilevazione: da oggi i tamponi saranno effettuati solo a chi mostra sintomi. Nessun nuovo focolaio individuato: in serata il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato, in un’informativa alla Camera, che “i due focolai, che inizialmente sembravano distinti, poi si sono dimostrati connessi“. L’Organizzazione Mondiale della Sanità promuove le iniziative adottate dall’Italia. Hans Kluge, a capo del ramo europeo dell’Oms, si è complimentato per la gestione dell’emergenza, notando però alcune carenze, in particolare nell’equipaggiamento medico. “Medici e infermiere sono gli eroi in prima fila” ha detto in conferenza stampa con il ministro della Sanità. “Le misure messe in campo dall’Italia sono state risulute e veloci”, in linea con quanto previsto dall’Oms.

Campania – Scuole e università chiuse: il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, ha disposto la sospensione delle attività didattiche per tre giorni, tempo necessario per effettuare una disinfestazione straordinaria in relazione all’emergenza. Stessa misura prevista per la provincia di Taranto, dove è stato individuato il primo caso di coronavirus nella Regione Puglia, un 33enne di Torricella. Il presidente Emiliano ha disposto la sanificazione delle scuole, da oggi fino a domenica 1 marzo.

Piemonte – I casi di coronavirus scendono da tre a uno: “Alla luce delle notizie di oggi – ha annunciato il presidente della Regione Alberto Cirio – chiederò al Governo di far tornare il Piemonte a una graduale normalità. Il governatore ha parlato di “una crisi nella crisi: “Ovviamente la salute è la prima cosa da curare ma tanti negozi, ristoranti e alberghi stanno vivendo una crisi inaspettata che ha ridotto del 50% i loro incassi. Abbiamo avuto disdette della quasi totalità delle prenotazioni. Dobbiamo tornare in modo intelligente e attento alla normalità. Lo chiederò al presidente Conte, invocando la possibilità di valutare l’opportunità di allentare questa ordinanza“.

Lombardia Ieri sera il governatore Fontana ha annunciato l’auto-isolamento, dopo la notizia che una sua stretta collaboratrice è risultata positiva al test. La scelta di apparire in video con la mascherina è stata criticata da numerosi esponenti delle opposizioni. Milano intanto prova a tornare alla normalità: bar aperti dopo le 18, ma solo con il servizio al tavolo (e non al bancone) e solo ammettendo un numero di clienti corrispondente ai coperti disponibili. Il sindaco Sala, in un video postato sulla sua pagina Facebook, ha annunciato di aver chiesto al ministro della Cultura Dario Franceschini di iniziare a riaprire i musei cittadini.Riapriamo qualcosa – ha detto Sala – possiamo cominciare dai musei o da altro, ma la cultura è vita”. L’obiettivo è superare l’immagine di una città ‘paralizzata’ e con le saracinesche abbassate: d’accordo anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, che sulla sua pagina Facebook ha lanciato un appello alla sua città: “Non ti fermare”. “Il primo segnale di reazione, positività e fiducia può venire dalla cultura. Senza abbandonare la prudenza. Riaprire i musei sarebbe un segnale importantissimo. Tanti sindaci la pensano così, spero anche Dario Franceschini”.

CRONACA ORA PER ORA

10:45 Speranza: “Siamo il Paese con maggior numero di controlli”
Il ministro della Salute in conferenza stampa ribadisce l’importanza della cooperazione tra Paesi europei: “Ho ricevuto a Roma i miei omologhi, e sono in costante contatto con loro”. Poi ha rassicurato sulla solidità del nostro sistema sanitario nazionale: “Stiamo seguendo con la massima attenzione l’evoluzione della vicenda, l’Italia è il Paese che sta eseguendo il maggior numero di controlli”.

10:30 Ricciardi: “Casi positivi solo dopo conferma dell’Iss: sicuri sono 190”
“I casi positivi al coronavirus si possono definire solo dopo la conferma dell’Iss ed ora sono circa 190; quelli comunicati dalle Regioni devono essere considerati come casi sospetti. Le Regioni hanno l’obbligo morale di seguire le indicazioni centrali altrimenti si genera il panico collettivo. Se si fossero attenute a questo nelle comunicazioni oggi avremmo 190 casi accertati”. Lo ha detto Walter Ricciardi dell’Oms e consulente del ministro della Salute, alla Protezione civile.

10:15 98 casi in Veneto

In Veneto salgono a 98 le persone positive al coronavirus. Si tratta di 11 pazienti in più rispetto a ieri sera. 5 nuovi casi a Vo’ Euganeo (sono 47 i positivi totali), 3 a Vicenza, dov’è stata avviate un’indagine epidemiologica in corso. Altri 3 nuovi casi sono di persone non ancora associate a un focolaio preciso.

10:10 “Il caso pugliese era stato a Codogno dal 19 al 24 febbraio”
La Asl di Taranto ha ricostruito i movimenti del 33enne contagiato: l’uomo era stato a Codogno, una delle zone-focolaio, dal 19 al 24 febbraio. Era andato a trovare dei parenti ed è rientrato a casa lunedì sera in aereo da Malpensa a Brindisi. Dall’aeroporto è stato accompagnato dal fratello a casa dove sarebbe entrato in contatto con pochissime persone. Poi ha contattato l’amministrazione comunale e il medico Giuseppe Turco, consigliere regionale, residente a Torricella, quando era asintomatico. Lo stesso medico gli ha consigliato di rimanere in isolamento con la famiglia del fratello: martedì mattina, quando si è presentata la febbre, è stato ricoverato all’ospedale Moscati nel reparto di Malattie Infettive.

10:05 Napoli, bus fermi per pulizia straordinaria
Fermi per operazioni di disinfezione il 40% dei bus dell’Azienda napoletana mobilità del deposito di Piazza Carlo III. Soppresse quattro linee.

10:00 Tornano a casa i turisti lombardi di Alassio
Il primo gruppo di dodici turisti lombardi ospiti dell’albergo di Alassio, dove soggiornava la donna risultata positiva al test del coronavirus, nella notte ha lasciato la Liguria per tornare a casa, nelle province di Pavia e Milano, dove svolgeranno una ‘quarantena’ volontaria. L’operazione di trasferimento è avvenuta in coordinamento con la Croce rossa, la Protezione civile, le Regioni Liguria e Lombardia.

9:49 Fontana: “La mia collaboratrice sta moderatamente bene, io non escludo di ammalarmi”
Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, intervenuto su RaiRadio1, dice che la sua collaboratrice risultata positiva al coronavirus “sta moderatamente bene”, ha ancora un po’ di febbre ma “non ha avuto alcun tipo di aggravamento”. Poi aggiunge: “Nessuno esclude che io stia covando questa positività e che possa diventare anch’io malato”, spiegando quindi di voler “mantenere un atteggiamento particolarmente prudente. Con i miei collaboratori uso la mascherina, cerco di limitare il più possibile i contatti per evitare il potenziale rischio di contribuire a diffondere il virus, che per ora non posso diffondere perché sono negativo”.

9:20 Abruzzo: scuole chiuse a Roseto
Il Presidente della Regione Marco Marsilio ha sentito il sindaco di Roseto, Sabatino Di Girolamo, il quale ha deciso in qualità di autorità sanitaria di chiudere precauzionalmente le scuole dopo la notizia di un caso positivo nel paese in provincia di Teramo: il paziente è un impiegato di banca di 50 anni arrivato da Brugherio, in provincia di Monza. Marsilio ha confermato quindi che la Regione, avendo importato il caso, è “fuori da cluster”.

9:15 Speranza in Senato: “Questa sfida si può vincere solo insieme”
“Oggi più che mai serve una relazione stretta tra governo e parlamento capace di superare i vincoli ordinari delle relazioni tra maggioranza e opposizione”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella sua informativa al Senato sul coronavirus. Poi ha rassicurato: “Si guarisce nell’80% dei casi, dobbiamo fidarci dei nostri scienziati”. Infine ringrazia le Regioni con cui, dice, il governo ha lavorato “gomito a gomito”.

09:10 Mascherine a 5mila euro: maxi operazione della Guardia di Finanza
I finanzieri del Comando provinciale torinese stanno eseguendo decine di perquisizioni e sequestri in tutta Italia nei confronti di una venti persone che, approfittando della paura legata all’emergenza sanitaria, commercializzavano mascherine ed altri articoli di protezione individuale a prezzi esorbitanti, fino a 5mila euro.

09:00 Borsa Milano apre in calo
Avvio di seduta in forte calo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib cede l’1,87% a 22.994 punti. Partenza molto debole per tutti i marcati azionari europei: Londra ha aperto con un calo dell’1,9%, Parigi in ribasso del 2% e Francoforte del 2,3%.

08:59 Gualtieri: “Serve risposta a livello europeo”
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri a Radio 24 dice che l’emergenza in corso ha bisogno di una risposta “concertata” tra i Paesi membri. “Serve un pacchetto di misure aggiuntive, su questo stiamo lavorando pancia a terra”, ha aggiunto spiegando che per ora “è impossibile fare stime precise”.

08:51 Fontana: “Su riapertura scuole decidiamo tra sabato e domenica”
La decisione se riaprire o meno le scuole in Lombardia sarà presa nel fine settimana. Lo ha precisato il presidente della Lombardia Attilio Fontana intervenendo a Rtl. Per vedere i risultati delle ordinanze, spiega, ci vuole una settimana e dunque “ci ritroviamo per fare il punto sulla situazione e decideremo se si nota un’inversione o è troppo presto”. Stesso discorso per l’apertura degli stadi.

08:45 Ricciardi: “Sbagliato fare i tamponi anche agli asintomatici”
Walter Ricciardi, che da due giorni è consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, in un’intervista al Corriere della Sera ha detto:”Chi ha dato l’indicazione di fare i tamponi anche alle persone senza sintomi ha sbagliato. La strategia del Veneto non è stata corretta perché ha derogato all’evidenza scientifica. Le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità non sono state applicate” con il risultato, aggiunge, di creare “confusione e allarme sociale”. I test, spiega, non sono ancora “perfetti dal punto di vista della sensibilità” perché messi a punto in poco tempo e devono essere perfezionati: “Quindi c’è un’ampia possibilità di sovrastimare le positività. Bisogna utilizzarli in modo appropriato”.

08:16 “Confermato caso Abruzzo: è turista lombardo”
C’è un primo caso di coronavirus in Abruzzo: è un uomo ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Teramo. “Il paziente, residente nella bassa Brianza, era arrivato a Roseto degli Abruzzi insieme alla famiglia- fa sapere il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute – Al presentarsi dei sintomi della malattia, ieri è stato subito ricoverato e sottoposto al primo test che, eseguito a Pescara, è risultato appunto positivo”. Il test è stato inviato all’Istituto Spallanzani di Roma per la conferma definitiva. La famiglia si trova ora in isolamento.

00:10 – Positivo un corista della Scala
Tra i nuovi contagi in Lombardia c’è anche un dipendente del teatro alla Scala: lo ha reso noto il direttore generale del teatro, Mario Di Freda, in una lettera indirizzata al personale del Piermarini. L’uomo, che fa parte del coro, è in isolamento domiciliare e ha già superato la fase critica della malattia. Tutti i colleghi che avevano preso parte con lui alla recita del 12 febbraio del Trovatore e che abbiano manifestato sintomi sospetti verranno sottoposti ai test.


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), vicesindaco di Alassio: “Prima persona positiva a coronavirus era andata in ospedale e rimandata a casa con un taxi”

next


Articolo Successivo

Coronavirus, il vox di Italiani come noi: “Virus? Temo più la paura della gente”. “Sono molto preoccupata. Esco il meno possibile”

next


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.