News

Intanto nel mondo

Brasile
Il 6 maggio almeno 25 persone sono morte in un’operazione antidroga condotta dalla polizia nella favela di Jacarezinho, alla periferia nord di Rio de Janeiro. La polizia ha confermato la morte di 24 presunti affiliati del gruppo criminale Comando vermelho e di un agente, che sarebbe rimasto ucciso nelle fase iniziali dell’operazione.

Uganda
Il 6 maggio la Corte penale internazionale (Cpi) ha condannato Dominic Ongwen, un ex comandante del gruppo ribelle ugandese Esercito di resistenza del Signore (Lra), a 25 anni di prigione per crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Ongwen era stato riconosciuto colpevole di 61 capi d’accusa nel febbraio scorso. Nel corso del processo aveva dichiarato di essere anche lui una vittima perché era stato rapito dall’Lra quando aveva nove anni e costretto a diventare un bambino soldato.

Regno Unito
Il Partito conservatore del primo ministro Boris Johnson ha eletto per la prima volta da più di cinquant’anni un deputato a Hartlepool, nel nordest dell’Inghilterra, nel corso di un’elezione suppletiva che si è svolta contemporaneamente alle amministrative del 6 maggio. I risultati delle amministrative, e del rinnovo dei parlamenti locali di Scozia e Galles, non sono ancora stati annunciati.

Maldive
Il 6 maggio l’ex presidente Mohamed Nasheed, attuale capo del parlamento, è rimasto ferito nell’esplosione di una bomba nella capitale Malé. L’ordigno, piazzato su una moto, è esploso mentre Nasheed stava salendo sulla sua automobile. Nel 2008 Nasheed era diventato il primo presidente democraticamente eletto nel paese, ma quattro anni dopo era stato deposto in un golpe.

Afghanistan
Il 6 maggio il giornalista Nemat Rawan è stato assassinato a Kandahar, nel sud del paese. Fino a un mese fa conduceva un talk show politico su Tolo News, la principale emittente privata del paese, poi si era trasferito all’ufficio stampa del ministero delle finanze. Il giorno prima dell’omicidio i ribelli taliban avevano accusato i mezzi d’informazione afgani di non essere imparziali.

Stati Uniti
Una bambina di undici o dodici anni ha aperto il fuoco il 6 maggio in una scuola nella cittadina di Rigby, nell’Idaho, ferendo due compagni e un impiegato dell’istituto, che non sarebbero in pericolo di vita. La bambina è stata disarmata da un’insegnante e affidata alla polizia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.